FIMO

                       Fimo                         

Il FIMO è una pasta sintetica facilmente modellabile e termoindurente, utilizzabile per la creazione di piccoli oggetti.

Non secca all’aria ma può essere indurita cuocendola in un comune forno, ad una temperatura di circa 130 °C. Una volta indurito il fimo non può più essere modellato, ma vi si possono applicare colori acrilici o vernici lucide fissative appositamente create per questo prodotto (i normali fissativi per colori acrilici non funzionano sul fimo).

Ha una vasta varietà di colori e di effetti, tra i quali:

  • Fimo classic: diversi colori base, una pasta abbastanza dura, quindi permette di fare lavori precisi, esempio le murrine, braccialetti collanine portachiavi
  • Fimo soft: vari colori, una pasta più morbida, di facile lavorazione anche se è sostanzialmente soggettivo
  • Metallizzato: imitazione oro e argento;
  • Granito: effetto pietra, colore non uniforme;
  • Trasparente: non è un vetro colorato, ma la pasta lascia passare la luce, utile per la tecnica del Mokume Gane;
  • Fluorescente: per gioielli colorati che al buio si illuminano;
  • Perlescente: effetto strass nella pasta, per delle perline brillanti.

Cottura

Il fimo può essere lavorato a temperatura ambiente, non secca all’aria ma solo se messa in forno ad una temperatura variabile tra i 110 e i 130 gradi, il tempo di cottura varia a seconda delle dimensioni dell’oggetto da 10 minuti a anche un’ora. Più piccolo sarà l’oggetto da cuocere e per meno tempo andrà tenuto in forno. Se tenuto a una temperatura maggiore l’oggetto si annerisce. Le vecchie confezioni di FIMO in vendita fino al 2007 avevano segnato sull’etichetta una temperatura di cottura di 130 gradi, mentre quelle attualmente in vendita con la nuova composizione chimica hanno una temperatura di 110 gradi, per adeguarsi alle nuove normative europee sulle paste sintetiche.

Per cuocere le paste sintetiche come il fimo molte persone preferiscono utilizzare un forno delicato, anche perché durante la cottura, se la temperatura è troppo elevata o se si prolunga troppo la cottura, il fimo sprigiona sostanze tossiche che si depositano nel forno e rischiano poi di finire negli alimenti se si usa il forno anche per cucinare. È buona norma comunque mettere il fimo sopra della carta da forno quando lo si cuoce e utilizzare un termometro da forno, in commercio a buon prezzo, per avere sempre sotto controllo la temperatura. Inoltre è molto usata la tecnica del “bagnomaria” per cuocere il fimo, in modo che la temperatura rimanga a 100°C ed evitando che il fimo bruci.

(Notizie tratte da Wikipedia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...